top of page

SE HAI BISOGNO DI SUPPORTO O CHIARIMENTI 

Tecniche Musicali Olistiche


TMO Professione DBN


Cosa sono le Tecniche Musicali Olistiche e qual è la loro definizione?

 

Leggiamo la definizione delle Tecniche Musicali Olistiche tratta dal Catalogo dell’Offerta Formativa in DBN della Regione Lombardia e concordata dalle maggiori associazioni di settore

 

TECHICHE MUSICALI OLISTICHE


Le Tecniche Musicali Olistiche si basano su modelli operativi di documentata scientificità quali il modello dell’argentino Benenzon che utilizza il suono, la musica e il movimento per facilitare la socializzazione; il modello degli inglesi Paul Nordoff e Clive Robbins, in cui bambini in gruppo imparano diversi ritmi per aiutare i movimenti del corpo; il modello elaborato negli anni “70 dalla violinista Mary Priestley, che utilizza l’improvvisazione musicale come mezzo creativo per aprire una via di crescita personale; il metodo dell’americano Clifford Madsen che usa la musica come mezzo di rilassamento e miglioramento della vitalità; il metodo di Helen Bonny, che utilizza la musica come evocatrice d’immagini per migliorare la condizione fisica, intellettuale e spirituale; il dialogo sonoro dell’italiano Mauro Scardovelli che, ispirato ai musicisti che improvvisano, si pone il fine di facilitare attraverso il suono l’interazione tra i componenti di un gruppo e, infine, il metodo del Neurologo Livio Claudio Bressan, che si basa sulla integrazione tra Tecniche Musicali, Artistiche e Manuali Olistiche, finalizzate al recupero del benessere psicofisico della Persona anziana.

Comentários


Os comentários foram desativados.
bottom of page